mercoledì 22 aprile 2009

Osso o mattone?

Un blog è un diario, giusto? E questo blog è il diario di uno scrittore, giusto?
Allora, mi spiace per voi, vi tocca subire tutte le mie elucubrazioni creative! Ma non preoccupatevi: basta evitare i post etichettati lo scribano.

Ci sono quei giorni in cui ti viene tutto di getto, liscio come l’olio; ce ne sono altri che, pensa e ripensa, non cavi un ragno dal buco!
Ho un sacco di idee che mi frullano per la testa… e le scrivo subito nel mio quaderno… ma rimangono lì, sterili.

Qualcuno trova un osso, scava una buca per nasconderlo e, quando la fame si fa sentire, ecco che si ricorda del tesoro!
Allo stesso modo, abbiamo un’idea, la scriviamo su un quaderno riposto poi in libreria e, quando l’idea prende forma, ecco che ci ricordiamo di quella frase, di quell’immagine o cos’altro, e andiamo ad aprire il quaderno per edificare qualcosa di più grande di un singolo mattone riposto lì senza nemmeno tanta cura… e dopo le fondamenta, ecco prendere forma il piano terra, sopra al quale poggia un primo piano, un secondo piano e un piano alto: un palazzo bello, solido, ammirato. Presto, intorno a quel palazzo, nascerà un quartiere, che verrà preso a modello da altre persone e che darà vita a una città intera…

Ok, forse sto esagerando, ma quei mattoni che, presi singolarmente, sembrano insignificanti, amalgamati ad arte possono dar vita a qualcosa di fantastico!
Abbiamo il dovere di crederci fino in fondo…

… altrimenti ci dovremo accontentare del solito osso…
strillo

Nessun commento:

Posta un commento

scrivi di seguito il tuo commento, anche come anonimo se preferisci