martedì 26 maggio 2009

Parliamo, finalmente, di progetti!

Mi rendo conto di non aver ancora scritto nulla in merito al vero perché della nascita di questo blog, ovvero il progetto di cui dovremmo sentire il primo vagito l’oramai vicino mese di giugno.

Come già sapete, e qualcuno di voi dirà purtroppo per noi, uno dei miei principali hobby è scrivere; il corso di sceneggiatura, frequentato con buoni risultati alla Scuola Internazionale di Comics, mi ha chiuso una porta (nel senso che la frequentazione mi ha consigliato l’allontanamento dalla compagnia teatrale di cui facevo parte) e mi ha aperto un portone: già, il classico bivio che mi ha visto protagonista di una scelta vincente!
(se non altro perché si tratta di ciò che vorrei veramente fare da grande)

Il caso (stavo cazzeggiando su internet) ha voluto che mi imbattessi in una richiesta di collaborazione, aperta a disegnatori e sceneggiatori, per il progetto di un fumetto a distribuzione gratuita (sì, avete letto bene!) nella capitale. Il mio scarno curriculum è partito all’istante e il Natale del 2008 è stato il più prodigo di regali dei miei 46 trascorsi: uno solo, in realtà, ma... sono entrato a far parte del manipolo di coraggiosi artisti che fortissimamente vuole la nascita e la crescita di questo progetto.

Non potendo ancora inserire alcuna delle caratteristiche della serie, i personaggi e quant’altro (sono certo capirete tutti il perché), mi limito a dire, con un pizzico di orgoglio, che il primo numero è terminato, è bellissimo e sta per essere stampato!
(mmmhhh… forse è già partita la stampa…)

Tornando a noi, nell’invio del curriculum erano indispensabili, ovviamente, un paio di soggetti e qualche tavola sceneggiata; uno dei due soggetti ha preso forma ed è diventato una delle storie del protagonista.
Ma una storia, per ben sceneggiata che sia, ha bisogno di un disegnatore… e la fortuna mi ha abbinato a Fed.
Con calmezza e pazientezza (come direbbe la nipote di una mia conoscente), abbiamo instaurato un rapporto di collaborazione da fare invidia! Mail con scambi di opinioni, sia sulla sceneggiatura che sui disegni, e il coinvolgimento l’editore.

Vedere le prime 10 tavole terminate è stata un’emozione incontrollabile e devo confessare che qualche lacrima di gioia è scappata… forse il lato umano è venuto alla scoperta, visto che si tratta di una piccola vittoria sul mio passato, fatto sì di tante piccole gioie, ma anche di tante, forse troppe, delusioni.

Un brindisi al lavoro mio e, soprattutto, a quello di Fed!

strillo

Nessun commento:

Posta un commento

scrivi di seguito il tuo commento, anche come anonimo se preferisci