martedì 9 marzo 2010

Apocalittici e integrati

Dopo due anni dal suo acquisto, ho cominciato la lettura del saggio "Apocalittici e integrati; comunicazioni di massa e teorie della cultura di massa" di Umberto Eco.

La neve scendeva copiosa domenica scorsa (7 marzo) qui a Torino e che non riuscivo a stare davanti al pc acceso (e nemmeno spento); la lettura mi è sembrata la scelta migliore, il testo ancor di più!
Il consiglio all'acquisto è partito a scuola di sceneggiatura, dalle labbra di Manfredi Toraldo MANf, cui ancora una volta va un mio ringraziamento... questa volta per l'ottimo suggerimentoo!

Sono partito, per caso, dal capitolo che introduce alla lettura (critica) della prima puntata del fumetto "Steve Canyon" la cui pubblicazione risale al gennaio del '47 (autore Milton Caniff).
Le pagine seguenti sono una vera chicca di sociologia, tutta incentrata sul fumetto come mezzo di comunicazione di massa; non me lo aspettavo e, a parte le pause di "Volto nascosto" (ho da poco cominciato il numero 5 - La fortezza), non vedo l'ora di portare a termine la lettura.

Ho sbirciato l'indice e, viste le prime 40 pagine lette, so per certo che i contenuti sono di grande spessore; mi aspetto un crescendo di interesse, soprattutto nel capitolo dedicato ai personaggi, dove si prendono in esame il mito di Superman e il mondo di Charlie Brown.

Vi terrò informati; per il momento segnatevi il titolo dell'opera e, se siete interessati ad approfondire la conoscenza del fumetto come mezzo di comunicazione (perché questo è in fin dei conti), non fatevelo scappare.

strillo

Nessun commento:

Posta un commento

scrivi di seguito il tuo commento, anche come anonimo se preferisci