domenica 1 agosto 2010

Nello specchio: la storia dei due ragazzi - parte 1.


Dopo un po’ di mesi di inattività su questo fronte, eccomi alla pubblicazione di un altro post dedicato alla mia terza storia, ovvero Nello specchio.

Se nel post precedente ho fatto vedere come presentavo i personaggi, ora vi allego le tavole 2 e 3 che ci presentano la storia dei due.

Chi di voi disegna subito rimarrà attratto dalla libertà di espressione lasciata al disegnatore: una sequenza di due tavole a vignettone unico! Quanti altri sceneggiatori trovate con questa disponibilità!!!

La storia dei ragazzi è interrotta dal volto degli stessi dando un’interpretazione emotiva al racconto.
Nella prima si parla di gioia per non appartenere più (almeno fisicamente) a un Continente problematico dal punto di vista di qualità della vita. Il volto di Sitota è prima felice (il ricordo di un’infanzia migliore di tanti suoi coetanei rimasti ad Addis), poi triste, lasciando intendere al lettore (almeno spero sia arrivato il messaggio) che sta ascoltando la storia del suo amico Treba Tise. Il tocco finale, all’emblematico problema dell’acqua in Africa, è lasciato alla figura femminile che porta un otre.
Nella seconda ho voluto inserire una scena di guerra – purtroppo molto conosciuta – in cui i bambini (gli orfani poi citati più avanti) camminano tra le macerie; qui, il volto di Treba è prima triste (il ricordo della propria infanzia) e poi felice, lasciando intendere – come per la vignetta precedente – che il ragazzo sta ascoltando la storia dell’amico Sitota.
Il dialogo non è stato possibile trattarlo se non con delle didascalie, ma sembra sia divenuto efficace.
Vi do appuntamento al prossimo post, augurando a tutti un buon mese di agosto; io partirò per tre settimane di meritata vacanza; al rientro ci saranno, spero, un po’ di novità.
... e mi raccomando: leggete tanto!
strillo

Nessun commento:

Posta un commento

scrivi di seguito il tuo commento, anche come anonimo se preferisci