giovedì 31 marzo 2011

Garibaldi...


... che uomo!

Ma se non ho avuto modo di conoscerlo?!
Come faccio ad essere certo della grandiosità di quest'uomo che ha lottato per l'Unità d'Italia?
Mi sa che devo fidarmi, anche perché Anita - che sarebbe tutt'altra cosa e onore conoscere... - ha deciso di lasciarlo prima (e sono sicuro che non avrebbe mai voluto!).

Vabbè, torniamo a noi.
Sono contento di aver visto sulla rete ammiraglia della Rai il prodotto finito degli allievi della Scuola Internazionale di Comics di Roma: tre tavole dedicate, appunto, a Giuseppe Garibaldi e Anita.

Belle, veramente belle! Un bravo a tutti gli artisti!

Non è tutto, anche perché il post ha, come etichetta, la pentola di fagioli... perché mai?

Venerdì della scorsa settimana ho acquistato, con H., alcuni segnalibri che ci aiuteranno, negli anni, a ricordare che nel 150° dell'Unità d'Italia "c'eravamo".
In tutti è rappresentato un personaggio degno di essere ricordato per l'occasione.
Quello che ho voluto tenere per me ha la fotografia di Giuseppe Garibaldi, ecco spiegato il tutto!

Eh no! non ho spiegato proprio un be niente!
C'è anche una frase sotto la fotografia, ovviamente attribuibile al personaggio.

è sempre la storia di Socrate, di Cristo e di Colombo! Ed il mondo rimane sempre preda delle miserabiuli nullità che lo sanno ingannare

E bravo Giuseppe!
Chissà perché mi sembra perfettamente adattabile anche alle situazioni di oggi! (ho volutamente generalizzato, hai visto mai che un grande fratello mi stia tenendo d'occhio)
Grazie per averlo detto e grazie a chi ha ben pensato di stampare questa frase su qualcosa che ce la ricorderà... sempre!

strillo

Nessun commento:

Posta un commento

scrivi di seguito il tuo commento, anche come anonimo se preferisci