domenica 8 maggio 2011

Sul cappello, sul cappello che noi portiamo...




Con la complicità di un doppio impegno della signora H., ho avuto l’onore di girare il centro di Torino i giorni 6 e 7 maggio, ovvero venerdì e sabato precedenti la grande festa di oggi – 8 maggio 2011 – dell’84ma adunata nazionale degli alpini.

Una città in festa è il giusto toccasana per la città stessa innanzitutto, ma soprattutto per gli abitanti, che in un’occasione così gioiosa vedono le vie, le piazze, i corsi e i viali agghindati; persone mai viste che ti salutano e si salutano tra loro; fiumi di vino e grappa (altri simboli strettamente legati ai raduni degli alpini); panini farciti in mille modi; preparazione di polenta (rieccoci a un altro simbolo)… insomma, una ricca bacheca di fotografie scattate per ricordare questo bellissimo fine settimana.

Non ho portato con me la macchina fotografica, ma sono andato a spasso con la stessa gioia di oltre vent’anni fa, il precedente raduno cui ho avuto il piacere di assistere, sempre qui a Torino; i momenti che più ricorderò li porto dentro al cuore, perché è lì che ti colpisce l’atmosfera che questo amato corpo militare sa creare in ciascuno di noi.

Con gli occhi umidi, ricorderò per sempre le interviste fatte ai “vecchi”, agli ex ragazzi oggi unici superstiti della ritirata dalla Russia; con gli stessi occhi guardo i bambini che divertiti osservano questa pacifica e contagiosa invasione verde.

Un sincero grazie agli Alpini che ho incrociato e a tutti quelli che sono venuti qui a Torino, nella “mia” città, perché l’hanno trasformata, facendola più bella di quel che il mio occhio (abituato) è in grado di vedere; grazie per aver risvegliato tanti valori sopiti; grazie per aver fatto campeggio nei nostri parchi cittadini, sfilato per le vie (a piedi o con strani mezzi), cantato e bevuto alla nostra salute!

Il prossimo anno sarete a Bolzano, ma anche nel cuore dei torinesi: grazie mille!

strillo
... c'è una lunga, c'è una lunga penna nera
che a noi serve, che a noi serve per bandiera...

Nessun commento:

Posta un commento

scrivi di seguito il tuo commento, anche come anonimo se preferisci