giovedì 28 luglio 2011

Pensieri e incontri.

Sto pensando a tutto ciò che ho ancora da fare sul lavoro, sia quello vero dell’ufficio che quello più bello di sceneggiatore (aspirante) di fumetti
...
e al cielo azzurro che si vede in montagna quando, dopo lunga camminata, ti sdrai su una roccia a 2500 metri a godere della frescura mentre sorseggi acqua di sorgente
...
e a quell'aquila che comincia a volteggiare pensando ch'io sia cibo per lei
...
e a quel fischio di marmotta che ha visto l'aquila e mi scambia per suo simile avvertendomi del pericolo
...
e non dimentichiamoci del gruppo di stambecchi che sta attraversando quel costone roccioso della montagna di fronte sfoggiando le migliori doti equilibriste tipiche della specie
...
adzo da melk: è finita l'acqua!
uffa, mi devo rimettere gli scarponi per andare a prenderne altra
beh, visto che mi sono rimesso gli scarponi faccio che tornare a valle
...
e incontro un branco di camosci che saltellano giocherellando sul nevaio della parete nord del costone dove prima c'erano gli stambecchi
...
e incontro il contadino che va a controllare che le sue mucche siano tutte al loro posto; ci salutiamo e mi porge un pezzo di formaggio fresco; io ricambio lasciandogli l'avanzo del vino: buono scambio! :-)
...
e incontro un ermellino dalla livrea ancora marrone estivo
...
e vedo volteggiare gli enormi gipeti, proprio sulla mia testa: che spettacolo!
...
e finalmente torno a fiancheggiare il fiume che mi tiene compagnia fino a fondo valle col suo rumore assordante e rilassante al tempo stesso
...
e giungo a casa, dove mi aspetta una routine che adesso è meno invasiva perché sono più vicino alla natura che mi ha parlato per tutta la giornata
perché sono natura anch'io, e anch'io terrò compagnia – parlandole – all'altra parte di natura della mia vita: Annalisa... e tutti gli amici

strillo

Nessun commento:

Posta un commento

scrivi di seguito il tuo commento, anche come anonimo se preferisci